La Fondazione

Niente sta scritto

Documentario di Marco Zuin realizzato con l’aiuto di Fondazione Fontana

La vita riserva sorprese, anche positive

Grazie alle persone, alle relazioni, ai desideri, alle rassicurazioni e anche alle conflittualità, l’esistenza cambia

 

Niente Sta Scritto è il nuovo documentario del regista Marco Zuin, realizzato in collaborazione con Fondazione Fontana Onlus e le musiche della Bottega Baltazar. Il regista ha già al suo attivo parecchi titoli tra cui “La sedia di cartone” – un film breve del 2015 che ha avuto molti riconoscimenti a livello internazionale.

Il film entra nella vita di Martina Caironi, l’atleta paralimpica con protesi più veloce al mondo – oro nei 100 metri alle Paralimpiadi di Londra 2012, Rio 2016 e ai mondiali di Londra 2017 e argento nel salto in lungo a Rio 2016 – e di Piergiorgio Cattani, scrittore, giornalista e direttore del portale Unimondo, affetto da una grave forma di distrofia.

Niente sta scritto non è un’altra storia di disabilità o di una malattia. Parla di guarigione, che va oltre il corpo fisico. È un film sulle possibilità, in cui l’unica via d’uscita è la consapevolezza di poter fare sempre qualcosa per gli altri.

Ognuno di noi sperimenta che, nel bene o nel male, non accadono mai le cose che preventiviamo. Nella vita ci sono sempre sorprese, anche positive. Grazie alle persone, alle relazioni, ai sogni, all’impegno concreto e anche alle difficoltà impreviste, anche un’esistenza segnata da eventi spiacevoli – come può essere una malattia o un incidente – può dipanarsi secondo i propri desideri.
Seguendo questo pensiero, il film entra nella storia dei due protagonisti, in vicende che, pur non intrecciandosi mai, procedono parallele, dimostrando che è possibile aprire percorsi controcorrente, vincendo il rischio di emarginazione e di chiusura in se stessi.

È il racconto del possibile ruolo della comunità nei confronti di chi vive situazioni di vulnerabilità. La relazione sincera con la persona vulnerabile, sia essa un disabile, un povero, un emarginato, un migrante, chiunque fatica a seguire i ritmi della società, può indurre un processo di miglioramento personale e comunitario. Il riconoscimento e l’accettazione della vulnerabilità di ognuno, anche della propria, diventa un fattore paradossalmente positivo per la relazione con se stessi e con gli altri. Un approccio aperto e solidale alla diversità può contribuire a una maggiore coesione e inclusione sociale.

Il progetto è realizzato con il sostegno di Provincia Autonoma di Trento, ITAS Mutua e Fondazione Caritro – il contributo di Acustica trentina, Edizioni Centro Studi Erickson, Fondazione Zanetti Onlus e Karrell srl e il patrocinio del Comitato Italiano Paralimpico e del Comune di Padova. Hanno collaborato: Banca Popolare Etica, Gtv, Handicrea, Opsa, Mwanga Onlus, Makuti Viaggi.

Piergiorgio Cattani

Piergiorgio Cattani (classe 1976) è uno studioso e giornalista trentino. È editorialista del quotidiano “Trentino” e direttore del portale online unimondo.org.
Da sempre convive con una grave malattia degenerativa, è impegnato politicamente e culturalmente in varie iniziative, cercando di fare della sua attività di scrittura uno strumento al servizio della comunità. Pignolo testardo ed esigente, ma anche disponibile creativo e instancabile.

Il regista: Marco Zuin

Marco Zuin è regista e produttore indipendente, laureato in Cinema presso il D.A.M.S. di Bologna. Vive e lavora in Veneto ma non solo. Alla base del suo approccio al cinema e al documentario c’è l’idea di sociale inteso come socialità e attenzione al senso di comunità.
Per questo negli ultimi anni si è dedicato alla produzione di cortometraggi e documentari sociali brevi selezionati in numerosi festival in Italia e nel mondo: gli Zuggerimenti poetici, Vivo e Veneto, La sedia di cartone, Daily Lydia e ME, WE Only through community. Niente sta scritto è il suo nuovo documentario.

Martina Caironi

Martina Caironi (classe 1989) è una giovane atleta paralimpica. A 18 anni è rimasta coinvolta in un incidente stradale che le ha causato l’amputazione della gamba sinistra all’altezza del femore. Oggi è pluricampionessa olimpica, la donna con protesi più veloce al mondo. Alle sue protesi ha dato nomi buffi: con Berta cammina e va a ballare con le amiche, con Cheeta corre e va più veloce del vento.

Per ricevere il kit del progetto

Contiene DVD e booklet con testi di Piergiorgio Cattani e immagini dal documentario

p

www.fondazionefontana.org
info@fondazionefontana.org 

PD:  049.8079391  334.1124645
TN: 0461.390092

Offerta a partire da 15€
(2€ spese di spedizione)

GUARDA IL TRAILER CLICCA QUI