Informativa breve sui cookies
Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell'utenza, questo sito potrebbe usare cookie anche di terze parti. Chi sceglie di proseguire nella navigazione oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie.
Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy.

  • DSC 0456 resize

     

     Simona Atzori dona il suo 5x1000 a Fondazione Fontana onlus

    FAI COME  LEI!

    Codice fiscale: 92113870288

  • SDC slider 576x244

     

     

  • DSC 0454 resize 

     

     

    Fai come SIMONA ATZORI.

    Dona il tuo 5x1000 a Fondazione Fontana.

    Codice Fiscale: 92113870288

  • collage 3

     

    oltre 4000 Beneficiari dei progetti di cooperazione che  si ispirano ad un approccio comunitario e partecipativo.

     

     

     

     

    Quattro i paesi con i quali lavoriamo: Kenya, Ecuador, Bosnia e Israele

    Leggi l'articolo

Articoli

Samuel Murage

foto 1 samuel ridottaSAMUEL MURAGE
vincitore del Premio Volontario del Sud FOCSIV 2016

http://premiodelvolontariato.focsiv.it/participant/samuel-murage-kingori/28/info

Samuel Murage, 46 anni, vincitore del Premio Volontario del Sud 2016.
Sposato con tre figli, due femmine e un maschio, dal 1994 è insegnante di Kiswahili: scienze e studi sociali nella scuola elementare Mount Angels di Nyahururu.
Appena assunto come insegnante gli fu assegnato un posto nella parte più remota della Regione di Laikipia, in una zona molto secca dove le persone vivono di pastorizia in condizioni molto disagiate; dopo 6 anni, fu trasferito a Nyahururu, dove conobbe la realtà dello slum di Maina. Qui moltissimi bambini in difficoltà cercano rifugio e cibo nelle strade della città, molti erano aiutati da vari gruppi di volontari europei arrivati con progetti di sviluppo umano per il miglioramento delle condizioni di vita della comunità. Spesso si chiedeva come fosse possibile che persone arrivavate da così lontano potessero essere solidali col suo popolo in maniera così disinteressata. Questa esperienza e questo pensiero segnarono, per lui, l'inizio del percorso, successivo, al Saint Martin CSA - Catholic Social Apostolate.
É in questo periodo, infatti, che entrò in contatto con alcune persone dello staff e subito dopo si rese disponibile a fare del volontariato, nel "Programma Comunitario per i Bambini Bisognosi" rivolto al miglioramento della qualità della vita dei bambini provenienti dalla strada o vittime di violenza, per i quali era necessario, per prima cosa, protezione ed affetto.
Durante i 15 anni come volontario, è anche stato tesoriere ed ha fatto parte del comitato finanziario; questa esperienza gli ha dato l'opportunità di capire che poche risorse, se utilizzate nel modo giusto, possono cambiare la vita di molte persone vulnerabili.
Con altri 10 membri del comitato gestionale, partecipa agli incontri di formazione per far conoscere il Saint Martin nelle chiese, nelle scuole e durante le riunioni dell'amministrazione locale; durante questi incontri si parla dei diritti dei bambini e dei problemi che riguardano i più vulnerabili. Partecipa al lavoro degli assistenti sociali nelle strade di Nyahururu, con l'obiettivo di intercettare i bambini di strada e invitarli a raggiungere i centri di accoglienza e riabilitazione. Un impegno che porta a ridurre notevolmente il numero dei bambini per le vie della città. Altro impegno è il controllo su come vengano impiegati le diverse risorse, beni materiali o fondi economici, che sono donati dalle persone residenti nella zona. Ciò permette di capire che, nonostante ci siano problemi, è possibile risolverli unendosi insieme e donando le proprie risorse e/o il proprio tempo.
Sono organizzati incontri mensili, si redigono resoconti, si cerca di comprendere quali progressi siano stati raggiunti nelle diverse attività previste dal Programma; si monitorano e verificano le attività e si condividono le idee.

Nel 2008 viene nominato Presidente per il National Government Constituency Development Fund della Regione, un fondo stanziato dal Governo keniano per migliorare lo sviluppo di progetti in tutte le 290 regioni del Paese. Questo fondo è gestito da una Commissione di 9 membri che, dopo essere stati scelti pubblicandone i nomi sulla Gazzetta Ufficiale, eleggono uno di loro a presiederla. Sono 8 anni che è volontario nel CDF e per tre volte è stato eletto Presidente.
Il fondo, nella Regione ove risiede Samuel, ogni anno sostiene lo studio di 800 studenti dei colleges, 1.600 studenti delle scuole superiori e 300 delle scuole speciali per alunni con disabilità; inoltre, sono state costruite 60 classi per le scuole dei dintorni.
Molti dei bambini della Regione in questi anni sono riusciti a proseguire gli studi, passando dalle elementari alle medie e poi alle superiori, questo anche grazie al miglioramento del loro stile di vita all'interno della scuola.
Vengono istituite borse di studio per i ragazzi più poveri che hanno il desiderio di andare al college, all'Università o alle scuole professionali; le categorie a cui viene data la priorità assoluta sono i disabili e gli orfani.
Spesso Samuel supporta i genitori che si recano da lui disperati perchè non sono riusciti a pagare le rette delle scuole e si ritrovano i figli a casa cacciati dal Preside; per questi si adopera, come CDF, a pagare le tasse scolastiche affinché possano tornare a scuola e ricevere un'educazione adeguata.
"La cosa più difficile è suscitare consapevolezza nelle persone, far capire loro che possono contare su di noi. Il problema più grande è l'ignoranza: ogni giorno informiamo decine di persone riguardo l'esistenza di questo ufficio, diciamo loro dove possono trovare aiuto e cosa devono fare. Nei prossimi due anni seguiterò a prestare la mia opera anche per il CDF. Un tempo erano i membri del Parlamento ad eleggerci, ora siamo noi che facciamo richiesta. Per quanto mi riguarda posso dire che sono molto felice di aver fatto anche questo tipo di volontariato nella mia vita, anche se prestare servizio dalle 5 del pomeriggio in poi non è sempre facile."

Il Saint Martin CSA - Apostolato Sociale Cattolico è un'organizzazione attiva in Kenya, esperienza nata nel 1997 con l'obiettivo di venire incontro alle categorie di persone più vulnerabili all'interno delle comunità della zona in cui opera. L'organizzazione lavora con un approccio comunitario, secondo cui è la comunità stessa a farsi carico dei bisogni dei suoi membri attraverso i mezzi di cui dispone: il suo obiettivo diretto non sono i beneficiari, ma la promozione della solidarietà all'interno della comunità, attraverso il coinvolgimento e la formazione di volontari che possano prendersi cura dei più bisognosi.
Il Saint Martin CSA opera in una zona rurale intorno a Nyahururu, 200 km a nord di Nairobi, un lavoro svolto grazie ad una rete di oltre 1.200 volontari provenienti dalle comunità che lì risiedono: ciascuno è impegnato a tutti i livelli dell'organizzazione, incluso quello gestionale, di programmazione e di direzione dei vari Programmi. Questo impegno è supportato da una squadra di circa 100 membri del personale.
Le attività del Centro sono organizzate in Programmi Comunitari specifici, allo stesso tempo interdipendenti tra di loro, che si occupano rispettivamente di: persone con disabilità; bambini di strada; non-violenza attiva e diritti umani; malati di AIDS e abuso di alcol e droghe; risparmio e microcredito.

FONDAZIONE FONTANA ONLUS nasce nel 1998 per perseguire finalità di solidarietà sociale e in particolare per realizzare progetti di cooperazione, solidarietà internazionale, educazione alla mondialità con un approccio dal basso, che parte dalla comunità.
I suoi ambiti operativi sono: la Cooperazione internazionale, attraverso il sostegno ai progetti in Kenya, Ecuador, Bosnia e dal 2012 anche in Israele; l'Educazione in Italia, che si esplica con progetti World Social Agenda (www.worldsocialagenda.org) In particolare, Partecipazione e Territori e Atlante on line coinvolgono ogni anno oltre 5000 alunni e studenti e quasi 300 insegnanti di Padova, Trento e provincia con una pagina facebook che per la World Social Agenda ha superato i 60.000 fan. Infine, con il portale Unimondo (www.unimondo.org), che viene offerta un'informazione qualificata e pluralista su diritti umani, pace, democrazia, ambiente, cooperazione internazionale. Grazie alle piattaforme culturali delle 150 Guide tematiche e delle 365 schede giornaliere del progetto Almanacco, l'utente ha la possibilità di approfondire e attualizzare le tematiche suggerite dalle Nazioni Unite, dalle campagne di sensibilizzazione e dalle giornate indette dagli organismi internazionali.
La pagina facebook di Unimondo ha superato i 250.000 fan.

logo facebook

5x1000 2

fondazione-fontana-logoword-social-agenda-logoimpresa-solidale-logounimondo-logo