Informativa breve sui cookies
Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell'utenza, questo sito potrebbe usare cookie anche di terze parti. Chi sceglie di proseguire nella navigazione oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie.
Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy.

  • caironi

  • DSC 0456 resize

     

     Simona Atzori dona il suo 5x1000 a Fondazione Fontana onlus

    FAI COME  LEI!

    Codice fiscale: 92113870288

  • SDC slider 576x244

     

     

  • DSC 0454 resize 

     

     

    Fai come SIMONA ATZORI.

    Dona il tuo 5x1000 a Fondazione Fontana.

    Codice Fiscale: 92113870288

  • collage 3

     

    oltre 4000 Beneficiari dei progetti di cooperazione che  si ispirano ad un approccio comunitario e partecipativo.

     

     

     

     

    Quattro i paesi con i quali lavoriamo: Kenya, Ecuador, Bosnia e Israele

    Leggi l'articolo

COMUNI/CARE_SPECIALE COOPERAZIONE

 PROGRAMMA PACE E RICONCILIAZIONE, Saint Martin CSA Kenya

peace rec "Mi chiamo Mary. Sono sposata e ho sette figli. Sono cresciuta in una famiglia dove la violenza domestica era cosa comune, un problema che mi ha seguita anche nel matrimonio.
Un giorno, mio fratello che era volontario nel programma "Pace e Riconciliazione" del Saint Martin mi invitò ad un incontro sulla violenza domestica e sui metodi alternativi di risoluzione del conflitto. Ci diedero del materiale da leggere che io portai a casa. Qualche giorno dopo successe che mi arrabiai molto con mio marito. Egli non reagì subito, ma aspettò che i bambini si fossero addormentati per riprendere la discussione con me. Fui così colpita e quasi commossa dal suo comportamento,  che da quel momento decisi di cambiare qualcosa. Provai quindi a relazionarmi in maniera più costruttiva con mio marito, i miei figli e ogni persona che incontravo. Un po' alla volta le discussioni cessarono e i rapporti con mio marito e i miei figli migliorarono. Anche il rapporto con mio figlio maggiore che aveva  abbandonato la scuola migliorò  grazie a questa nuova atmosfera familiare e lui in seguito  riprese a frequentare la scuola. Questa mia nuova attitudine è stata motore di cambiamento anche nella mia comunità di appartenenza e ora sono coinvolta in attività di risoluzione dei conflitti che emergono all'interno della comunità. Il cambiamento negli  altri può partire solo dal cambiamento di noi stessi" Mary, volontaria del Saint Martin CSA, Kenya.

Il progetto si propone di individuare e sostenere le vittime di violenza domestica e sociale, per lo più giovani, donne e persone con disabilità, nelle aree urbane di Nyhururu e in quelle agricole dei distretti di Laikipia West e Nyandarua Nord in Kenya. In queste zone sono stati individuati numerosi casi di violenze domestiche, abusi su minori, violenze sessuali e violazione dei diritti umani a causa del contesto sociale disgregato e povero. L'obiettivo è di intervenire per tramite del partner Saint Martin per tutelare queste vittime di violenze fornendo loro sostegno ma al tempo stesso formando la comunità locale nella prevenzione e nella tutela di tali abusi e violazioni. Le azioni del progetto sono rivolte al coinvolgimento comunitario attraverso la formazione di volontari comunitari e ilsostegno alle vittime di violenze con l'individuazione, l'accompagnamento, il reinserimento sociale.

Il progetto è stato sostenuto dalla Provincia Autonoma di Trento - Assessorato all'Università e Ricerca, politiche giovanili, pari opportunità, cooperazione allo sviluppo.

 

PROGRAMMA HIV/AIDS, Saint Martin CSA Kenya

aidsCostruire comunità competenti in Kenya per contrastare la diffusione delle dipendenze da alcol e droghe e ridurre l'incidenza dell'HIV/AIDS. - Progetto triennale dal 2013 al 2016

"Sono Wanjau, un volontario impegnato nel Programma Comunitario per le Dipendenze e l'HIV/AIDS. Ho iniziato a fare il volontario per il programma 10 anni fa con la speranza di lavorare per gli orfani e i sieropositivi in quanto ne conoscevo alcuni. Poco dopo essere entrato a far parte del programma, io [e gli altri volontari] siamo stati invitati a un corso di formazione di tre giorni in cui abbiamo appreso il modo di lavorare del Saint Martin. A questo corso sono poi seguiti altri momenti di formazione sulle dipendenze, l'HIV/AIDS, l'assistenza domiciliare, il counseling, la cura e il sostegno degli orfani, la mobilitazione comunitaria e così via. Queste formazioni mi hanno molto aiutato, sia nel mio lavoro come volontario sia nella mia vita personale. Non ho una laurea ma il modo in cui mi impegno con le persone fa loro pensare che sia istruito. Il mio status sociale è migliorato e anche la mia vita familiare. Anche i miei colleghi hanno fatto simili avanzamenti nella loro vita. I corsi mi hanno anche permesso di servire meglio la mia comunità. Non solamente per quanto riguarda il St. Martin, ma anche  in vari gruppi e in forum di sviluppo. Sono stato anche coinvolto/assunto dal governo locale per un lavoro di mobilitazione comunitaria. Sono orgoglioso di aver servito tante persone in situazioni diverse di vita e posso solo ringraziare Dio per avermene dato l'opportunità. Sono felice di aver fatto la scelta di entrare nel programma perché mi ha permesso di crescere" Wanjau, volontario al Saint Martin CSA, Kenya.

Il progetto, grazie  all'esperienza acquisita dal partner locale Saint Martin CSA, ha formato e supportato le comunità delle province di Nyandarua, Laikipia e Baringo in Kenya nella cura delle persone con dipendenze da alcol e droghe e delle persone colpite  da HIV. Dal 2013 agli inizi del 2016, le azioni del progetto sono state rivolte alla formazione di volontari a sostegno delle persone vulnerabili, alla creazione di consapevolezza nella comunità sulle dipendenze e sull'HIV e alla mobilitazione della comunità stessa nella compartecipazione al supporto medico ed economico per le persone in riabilitazione o in cura.
Il progetto è stato realizzato grazie al contributo della Provincia autonoma di Trento – Assessorato all'università e ricerca, politiche giovanili, pari opportunità, cooperazione allo sviluppo.

FONDAZIONE LOD, Israele

lodAvvio di un centro di aggregazione ed empowerment per donne arabe a Lod – Israele – Partner locale Lod Foundation.
Il progetto ha avviato uno spazio di aggregazione e formazione, il "Women Chicago Club", per giovani donna e/o madri arabe che vivono nel quartiere di Ramat Eshkol della città di Lod in Israele. L'obiettivo del progetto è fornire competenze sociali ed economiche che permetta loro di diventare soggetti di sviluppo comunitario e, tramite l'avvio di piccole attività generatrici di reddito portare benessere nei propri nuclei famigliari e nella comunità locale. Il progetto è stato sostenuto dalla Provincia autonoma di Trento – Assessorato all'università e ricerca, politiche giovanili, pari opportunità, cooperazione allo sviluppo.

 

INAUGURAZIONE CASA DI ACCOGLIENZA MARANATHA'

guests being served lunchIl progetto di costruzione della casa di accoglienza "Maranathà" (in italiano Vieni Signore Gesù)  è stato correttamente portato a termine nel 2015. Realizzato grazi alla collaborazione del partner locale L'Arche Kenya,  è stato inaugurato un nuovo edificio nella città di Nyahururu che da ospitalità a  persone in difficoltà e in stato di bisogno. L'edificio offre inoltre un luogo di incontro e di terapia occupazionale per i disabili mentali ospitati in altre due strutture gestite da L'Arche Kenya. Il progetto è stato possibile grazie anche al contributo della Regione Autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol.

ACQUISTO PICK UP PER TRASPORTO DISABILI

DSC 0068

Grazie al contributo della Regione Trentino Alto Adige - Sudtirol,  e di Cassa Centrale Banca - Credito Cooperativo del Nord Est S.p.a. è stato acquistato un pick up con cabina per il trasporto di bambini e ragazzi con disabilità fisiche e/o intellettuali seguiti dal programma del Saint Martin in Kenya. Le strade sterrate e le frequenti piogge rendono gli spostamenti particolarmente difficili soprattutto per i portatori di handicap in quanto non possono usufruire di altri mezzi di trasporto pubblico inadatti al trasporto dei disabili. Il nuovo mezzo in dotazione del Saint Martin offre ora un più sicuro e dignitoso trasporto delle persone con disabilità facilitando così le attività di riabilitazione e integrazione sociale più  di quest'ultimi.

 

 

 

 

 

 


 


 

 

SDC banner 175x63

immagine

MEWE

5x1000 2

fondazione-fontana-logoword-social-agenda-logoimpresa-solidale-logounimondo-logo