Informativa breve sulla gestione dei dati personali e dei cookie nel rispetto della normativa GDPR
Per offrire una migliore esperienza di navigazione, per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell'utenza, questo sito potrebbe usare cookie anche di terze parti. Chi sceglie di proseguire nella navigazione oppure di chiudere questo banner, esprime il consenso all'uso dei cookie.
Nel rispetto della normativa GDPR, per saperne di più sulla gestione dei cookie e sull'uso dei dati personali consulta la nostra Cookie Policy.

  • 5x1000 NIENTESTASCRITTO-01

     

  • SDC slider 576x244

     

     

  • collage 3

     

    oltre 4000 Beneficiari dei progetti di cooperazione che  si ispirano ad un approccio comunitario e partecipativo.

     

     

     

     

    Quattro i paesi con i quali lavoriamo: Kenya, Ecuador, Bosnia e Israele

    Leggi l'articolo

Martina Caironi vince il premio "Atletica Candido Cannavò"

premio caironiMartina Caironi e Elena Vallortigara hanno vinto il Premio "Atletica Candido Cannavò". Le due atlete hanno ritirato il premio dalle mani della moglie del Direttore, Franca Cannavò, del figlio Alessandro, del direttore della Gazzetta Andrea Monti e di Franco Angelotti, presidente di Bracco Atletica, società che ha promosso l'iniziativa. Il premio giunto alla decima edizione è stato assegnato in passato a personaggi illustri dell'atletica quale Sebastian Coe, Yelena Isinbayeva, Antonietta Di Martino, Stefano Baldini e nelle ultime due edizioni a Gianmarco Tambieri e Filippo Tortu.Presenti fra gli altri il Presidente delle Federazione di Atletica Leggera, Alfio Giomi, il Gen. B. Antonio De Vita (Carabinieri) e il Gen Vincenzo Parinello (Fiamme Gialle).

Onorata di essere la prima atleta paralimpica a ricevere questo premio prestigioso in memoria di Candido Cannavò, una persona che non ho mai avuto il piacere di conoscere ma di cui ne ho percepito l'eco in Gazzetta e nell'ambito sportivo, dove era amato da tutti. Nel 2009, quando ci lasciava, io ero ancora in riabilitazione dopo il mio incidente che mi ha portato via mezza gamba. Non sapevo in quel momento che sarei diventata un'atleta di punta della nazionale paralimpica di atletica leggera. Nel 2007 racconta la sua attenzione al paralimpico nel libro " e li chiamano disabili" con in copertina la ballerina Simona Atzori, nata senza braccia e autrice di una vita al di sopra dell'immaginabile ( e come me amica di Fondazione Fontana Onlus). Prima di me l'unico atleta paralimpico a ricevere il premio fu Oscar Pistorius, colui che divenne idolo indiscusso di moltissime persone, e pure il mio. È anche grazie a lui se son qui ora. Felice di questo riconoscimento insieme a Elena, un'altra guerriera dell'atletica; darà una spinta ad entrambe a continuare a divulgare i valori di lealtà e gioco pulito, una spinta a non mollare nei momenti di difficoltà. Grazie"

Martina Caironi inaugura al Musme la sezione Sport Tecnologia e Disabilità

43391933 2128813627143408 6775519520296534016 nInaugurata al Musme, il Museo di storia della medicina di Padova, la nuova sezione dedicata a Sport, Tecnologia e Disabilità. Un'installzione con protesi e dispositivi che hanno fatto salire sul tetto del mondo sportivo tre grandissimi campioni italiani dello sport paralimpico come Martina Caironi, la donna con protesi più veloce del mondo, Bebe Vio, campionessa paralimpica di scherma, e Alex Zanardi, il più campione di tutti, insuperabile sulla sua handbike e non solo. Alla presenza dei super ospiti Martina Caironi e Alex Zanardi, del Presidente della Fondazione MUSME, Francesco Peghin e di numerose personalità sportive e politiche, questa installazione vuole anche essere un monito che invita a porre l'attenzione sull'importanza del progresso medico-tecnologico nel campo delle protesi per disabili affinché queste siano sempre più accessibili a tutti. E' importante ricordare, infatti, che dietro al talento e alla determinazione di tre singole personalità c'è una collettività di ricercatori, discipline, studi che ogni giorno sviluppa e porta avanti delle ricerche per il miglioramento della vita di tutte le persone che necessitano di ausili non solo per diventare campioni nello sport, ma per condurre una vita dignitosa e il più possibile autonoma. Per approfondire clicca qui

Pagina 1 di 3

5x1000 2

fondazione-fontana-logoword-social-agenda-logoimpresa-solidale-logounimondo-logo